Biomassa Eolico Fotovoltaico Geotermico Amianto
LA CONVERSIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA FONTE RINNOVABILE

S. E. Ohm Consult ha focalizzato la sua attività nel settore delle biomasse per i prossimi anni con particolare riguardo a due aspetti:

1. Impianti di piccola taglia
- Biogas (Digestione anaerobica) da 100 kW
- Impianti a Pirolisi e Pirogassificatori sino a 200 kW


Questi impianti risultano essere particolarmente interessanti poiché adattabili a ogni realtà agricola a prescindere dalla dimensione, e evitando l’obbligo del “registro”.

2. sviluppo di un “impianto di raccordo” – Tunnel RD - che consente di riutilizzare il digestato, prodotto da un impianto Biogas, mediante la conversione in combustibile solido per l’alimentazione del Pirogassificatore.

Produrre energia elettrica e termica utilizzando la tecnologia di conversione della biomassa è attualmente e nel prossimo futuro il processo economicamente e socialmente più vantaggioso.

Si intende per BIOMASSA tutto ciò che, a matrice organica (microbiologica, vegetale e animale), il ciclo vitale produce sulla Terra e dalla quale attraverso appropriati trattamenti si può ricavare energia “ecologica”. Possiamo altresì definire le biomasse come la frazione biodegradabile di prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze microbiologiche, vegetali e animali). Ricavare energia dalle biomasse significa ridurre la dipendenza da fonti di natura fossile, (carbone, gas, petrolio) producendo energia pulita da fonte rinnovabile.
Secondo i dati forniti da Terna, nel 2010, a fronte di un consumo totale di 300.000 GWh ben 10.000 GWh sono stati prodotti attraverso impianti alimentati a biomasse, in particolare cippato legnoso (scaglie di legno di dimensioni variabili da alcuni millimetri a 3-4 centimetri e ricavati dall’attività di manutenzione e coltivazione dei boschi) e biogas (gas naturale contenente oltre il 50% di metano, ricavato da fermentazione a carico di reflui degli allevamenti zootecnici, acque fognarie, colture di piante dedicate, residui agricoli, ecc.).

I processi di conversione energetica da biomasse vegetali si possono raggruppare in due gruppi:

- biochimico
- termochimico